La Regione Emilia-Romagna ha pubblicato un nuovo bando a sostegno della transizione digitale delle imprese. Il supporto avviene sia nella fase di progettazione sia nella successiva realizzazione e adozione di soluzioni innovative in campo digitale.

Il sostegno, per quanto riguarda la definizione strategica e la prima mesa in opera dei progetti, sarà garantito anche dall’affiancamento agli operatori economici dei soggetti appartenenti alla Rete Regionale per la Transizione Digitale. Il contributo sarà rivolto alla realizzazione di progetti innovativi, finalizzati all’introduzione delle più moderne tecnologie digitali sia nei processi produttivi e organizzativi, che nei prodotti e servizi nelle reti di distribuzione e vendita.

Per approfondire puoi contattare la sede dell’Associazione provinciale di riferimento.

Chi sono i destinatari del bando per la transizione digitale

Possono partecipare le micro, piccole e medie imprese, operanti in tutti i settori di attività economica ad esclusione delle imprese operanti nel settore della pesca e dell’acquacoltura di cui al regolamento (CE) n. 104/2000 del Consiglio e le imprese operanti nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli.

Quali sono gli interventi ammissibili

Gli interventi ammessi al bando devono essere finalizzati alla trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi e organizzativi aziendali e dei prodotti. Particolare attenzione è rivolta all’implementazione di soluzioni digitali nelle

  • catene di fornitura vendita ed e-commerce distribuzione di beni e logistiche
  • processi di erogazione dei servizi
  • sistemi di comunicazione e di marketing

I progetti dovranno essere avviati a partire dalla data dell’1 luglio 2022 e conclusi entro la data del 31 dicembre 2023. Ogni progetto deve avere un importo totale non inferiore a 20.000 euro.

A quanto ammonta il contributo

Il contributo è del 40% della spesa ritenuta ammissibile, incrementata di 5 punti percentuali nel caso in cui ricorra una delle priorità previste nel bando.
Il contributo complessivo concedibile, anche in presenza dei requisiti per ottenere l’applicazione delle premialità sopra indicate, non potrà comunque superare l’importo massimo di 150.000 euro.

Come presentare la domanda

Le domande di contributo dovranno essere presentate tramite l’applicativo Sfinge 2020 all’interno della seguenti finestre temporali:

  • dalle ore 10 del giorno 13 settembre 2022 alle ore 13 del giorno 20 settembre, le domande relative ai progetti che prevedono la realizzazione di una parte della spesa, per almeno il 20%, nell’anno 2022.
  • dalle ore 10 del giorno 21 settembre 2022 alle ore 13 del giorno 20 ottobre 2022, le domande relative ai progetti che non prevedono la realizzazione di una parte della spesa nell’anno 2022.

L’applicativo Sfinge 2020 sarà aperto almeno 3 giorni prima e disponibile al fine di consentire la sola compilazione delle domande all’interno del sistema.

Osservatorio digitale
Comunicati Stampa
Il progetto nei territori
News Digitali

Traduzione Digitale: il paradigma 4.0 per le imprese artigiane” – annualità 2021/2022 – CUP E49J21000230009